Header

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

CredoRisurrezioneCarne1«Se oggi non sei preparato a morire,
come lo sarai domani?» Imitazione di Cristo 1,23.


Credere nell’immortalità dell’anima è oggi senza dubbio un segno di sensibilità spirituale in un contesto di materialismo imperante, che identifica l’uomo col suo corpo. L’immortalità dell’anima è una conquista di molte religioni e filosofie del passato e del presente, che vedono nell’uomo un essere a due dimensioni. Il Cristianesimo fin dagli inizi ha difeso la tesi della spiritualità e dell’immortalità dell’anima, ma il suo annuncio riguardo al destino dell’uomo di fronte alla morte è stato ben più sconvolgente per la ragione umana. A partire dalla Risurrezione di Gesù Cristo, gli Apostoli hanno predicato la risurrezione dei morti nell’ultimo giorno.

CredoRemissionePeccati«Vi supplichiamo in nome di Cristo:
lasciatevi riconciliare con Dio» 2Cor 5,20.


Il peccato è un’offesa a Dio e una disubbidienza alla sua legge. Con il peccato si rompe la comunione con Lui, ne consegue che solo Dio lo può rimettere. Gesù, perdonando i peccati, si attribuisce un potere divino. Egli, nella consapevolezza di essere il Figlio di Dio, afferma: «Il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati» Mc 2,10. Non esita inoltre a esercitare questo potere divino nell’episodio della guarigione del paralitico, quando afferma: «Ti sono rimessi i tuoi peccati» Mc 2,5. Gesù però va oltre ancora: in virtù della sua autorità divina conferisce tale potere agli uomini, affinché lo esercitino in suo nome: «Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi, e a chi non li rimetterete resteranno non rimessi» Gv 20,22-23.

Autobus ATV

Giorni Feriali
Linea 70 (fermata Piazzale del Cimitero)
Linee 11-12-13-51 (fermata Chiesa di San Paolo) - 300m a piedi
Giorni Festivi
Linea 94 (fermata Piazzale del Cimitero)
Linee 90-92-98 (fermata Chiesa di San Paolo) - 300m a piedi