Regina della Pace 5 giugno 2016

Regina della PaceCari figli, il mio Cuore materno desidera la vostra sincera conver-sione e che abbiate una fede salda, affinché possiate diffondere amore e pace a tutti coloro che vi circondano. Ma, figli miei, non dimenticate: ognuno di voi dinanzi al Padre Celeste è un mondo unico! Perciò permettete che l’azione incessante dello Spirito Santo abbia effetto su di voi. Siate miei figli spiritualmente puri. Nella spiritua-lità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e molto bello. Non dimenticate che nell’Eucaristia, che è il cuore della fede, mio Figlio è sempre con voi. Egli viene a voi e con voi spezza il pane perché, figli miei, per voi è morto, è risorto e viene nuovamente. Queste mie parole vi sono note perché esse sono la verità, e la verità non cambia: solo che molti miei figli l’hanno dimenticata. Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne. Perciò invito voi, miei figli, a osservare bene i segni dei tempi, a “raccogliere le croci frantumate” e ad essere apostoli della Rivelazione. Vi ringrazio.   
Messaggio del 2 Maggio 2016 consegnato a Mirijana

Commento di Padre Livio al messaggio del 2 maggio 2016Un messaggio intenso, dove ci sono espressioni molto forti, con assonanze da non sottovalutare con quanto il Papa ha detto due giorni dopo, riguardo all'azione dello Spirito Santo in ognuno di noi. È un messaggio ricco di espressioni forti e di allusioni misteriose. Vediamo i passaggi fondamentali del messaggio. La conversione e la fede salda Il primo passaggio è l'invito alla conversione e a una fede salda. Parole che sono come quelle di Gesù, che non sono né nuove, né vecchie, sono eterne: “Cari figli, il mio Cuore materno desidera la vostra sincera conversione e che abbiate una fede salda, affinché possiate diffondere amore e pace a tutti coloro che vi circondano”. La Madonna vuole una conversione sincera, non una conversione conclamata, ostentata, la sincera conversione c'è quando c'è un cambiamento di vita. Perché una fede salda? Perché siamo in tempi in cui siamo sballottati di qua e di là da ogni evento di falsa dottrina! Quando noi abbiamo intrapreso un cammino di sincera conversione e attraverso le prove siamo diventati saldi nella fede, possiamo diffondere l'amore e la pace a tutti coloro che ci circondano, cioè siamo gli Apostoli di Maria. Ognuno di voi è un mondo unico La Madonna ci ricorda che ognuno di noi è una persona unica davanti a Dio. C'è come un riferimento a quello che ha detto il Papa domenica all'Angelus. Accade anche, a volte, che il Papa dice le parole che la Madonna ha detto qualche giorno prima nel messaggio. Io non credo che il Papa abbia letto il messaggio, ma credo che lo Spirito Santo, di cui è ricolma la Madonna, illumini il Papa. Ognuno di noi è una persona unica che deve aprire il cuore allo Spirito Santo e lasciare che lo Spirito Santo parli al suo cuore, lavori il suo cuore, in modo tale che sia “spiritualmente puro”. Ecco quindi due espressioni chiave: “mondo unico”, ognuno di noi è un mondo unico e lasciare che lo Spirito Santo faccia di noi un figlio di Maria “spiritualmente puro”. La Madonna fa quindi l'elogio delle persone che sono spiritualmente pure e in loro splende la luce della santità negli occhi, nel sorriso, in tutto ciò che dicono; la spiritualità rende eternamente giovane la persona umana. “Nella spiritualità”, dice la Madonna, “è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e molto bello”. L’Eucaristia È un riferimento costante nei messaggi della Madonna, è nella stessa pastorale della Madonna che ha fatto della Santa Messa quotidiana, a Medjugorje alla sera, l'epicentro di tutta la vita Parrocchiale e della vita giornaliera. La Madonna ci ricorda che “l’Eucaristia è il cuore della fede”, per cui grazie all'Eucaristia “mio Figlio è sempre con voi”. “Egli viene a voi e con voi spezza il pane perché, figli miei, per voi è morto, è risorto e viene nuovamente”. Noi diciamo sempre ”Gesù morto e risorto”, non diciamo che viene, diciamo “verrà nella gloria”, a noi sfugge questa cosa: Gesù “viene nuovamente”, è continuamente presente, soprattutto attraverso i Sacramenti. Parole eterne La Madonna aveva detto a suo tempo che le sue parole sono preziose e che un giorno dovremo rendere conto di cosa ne avremo fatto. Questa volta la Madonna dice: “Queste mie parole vi sono note perché esse sono la verità”. Sono le parole del Vangelo con cui la Madonna ci nutre, ci dà il pane vivo ogni giorno. In questi 34 anni nessuno ha mai trovato il minimo errore, la minima dissonanza. Queste parole, che noi abbiamo tradotto in italiano, sono dette dalla Madonna in un croato perfetto, armonioso e mirabile, sono parole di luce, parole che riflettono la verità e parole che sprigionano la forza del Vangelo. “E la verità non cambia”, cambia la nostra comprensione, perché, sotto la luce dello Spirito Santo, possiamo comprendere sempre meglio le parole di Gesù. “Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne”, sono eterne perché sono le parole di Gesù. Poteva dire questa frase solo Colei che è la Madre del Verbo, che ha generato il Verbo. Osservare i segni dei tempi La frase finale è molto forte, di carattere apocalittico: “Perciò invito voi, miei figli, a osservare bene i segni dei tempi”, non è la prima volta che la Madonna ci invita ad osservare i segni dei tempi, “a raccogliere le croci frantumate e ad essere apostoli della Rivelazione”. La Madonna ci dà la chiave per interpretare i segni dei tempi, viviamo i tempi delle “croci frantumate”, i tempi dei tradimenti all’interno della Chiesa. Quando parla di “croci frantumate”, parla probabilmente di qualcosa all’interno della Chiesa. La Madonna ci chiama “a raccogliere le croci frantumate, a riparare il male che viene fatto nel mondo e ci invita “ad essere apostoli della Rivelazione”. In questo contesto: “croci frantumate” e “apostoli della Rivelazione”, possiamo capire meglio cosa vuol dire la Madonna, quando ci dice: “osservare bene i segni dei tempi”, sono i segni di satana sciolto dalle catene, dei grandi tradimenti, dei grandi abbandoni, dell’odio satanico che imperversa, del drago che vuole divorare il Figlio e perseguita la Madre. Noi siamo invitati ad essere il segno di Maria, gli apostoli che combattono il drago, siamo invitati alla battaglia, saldi nella fede e sinceri nella conversione, a raccogliere e riparare le croci frantumate ed essere apostoli e testimoni della Rivelazione. Noi dobbiamo essere gli strumenti della vittoria di Maria, Maria vincerà attraverso la nostra fede, la nostra conversione, la nostra testimonianza. Non perdiamo tempo, non seguiamo le false luci, sono tempi in cui, come ha detto Gesù, dobbiamo prendere la spada, la spada della sincera conversione e della fede salda.

Stampa